Una versione di Shadowplay che mi si appiccica addosso col suo ritmo ossessivo, le sue parole lame taglienti coperte di miele. Annegare fra le linee di basso e la chitarra che ti graffia l’ipofisi.

Striscia, cola, si attacca, mi vuole.

E io accetto e sprofondo.